Lettera di Viola, 26 Aprile 2015

Come molti di voi sanno, la nostra attività di aiuto e sostegno vive anche in Nepal dove dal 1999 abbiamo aperto due scuole poi chiuse per il carico di spese, tasse e difficoltà burocratiche continuando però con gli interventi sul campo sia a Kathmandu che a Pokhara.

Conosciamo molto bene il territorio, la miseria, la mancanza assoluta di risorse tranne per i pochi soldi portati dagli amanti della montagna che sostano immancabilmente a Kathmandu prima delle scalate. E’ un paese difficile da descrivere, se ci se ne innamora non lo si lascia più. Alcuni di voi lo hanno letto nel mio libro “Buon Viaggio Signora Pineapple”… qui  di seguito uno stralcio …
“Nel 1999 eravamo approdati a Kathmandu, per la prima volta in viaggio per il Tibet, accolti da una terra bellissima e dal sorriso e la dolcezza dei nepalesi. La miseria è forte, tremenda. Il Nepal è tra i paesi più poveri al mondo, eppure la realtà rimanda un senso più tenue e morbido delle difficoltà, specie uscendo dalla città…. È troppo anche per me vederli e rivederli negli anni, non mi ci abituerò mai. Da una parte “l’aria” del tempio serena, in pace con la vita, in pace con la morte, dall’altra la disperazione, l’abbruttimento che li muove verso la perdita totale della dignità, di ogni cautela sensata… Alla povertà non ci abitueremo mai. Le scene di miseria e sofferenza già viste e riviste negli anni avevano un suono amaro eppure nonostante questo il Nepal ci ha rapito con i suoi colori, le sue tradizioni, i suoni e la semplicità ancora viva.”
Ciclicamente si torna sul posto, si conoscono  persone, si riscopre la semplicità delle azioni, dei pensieri, dei gesti, si resta in contatto e  ci si accorge pian piano di avere una famiglia allargata, e ogni volta che si torna si entra in maggiore confidenza. Ci si fida. Pian piano si torna a casa. Così è per noi il Nepal, così l’India.
Sono decine le storie importanti che nel tempo ci sono accadute, ma è stato incredibile anno dopo anno ritrovarne l’autenticità, l’affetto sincero indipendente dagli aiuti economici.
Conosciamo il territorio e ci avvaliamo di collaboratori locali in grado di indirizzare l’aiuto seguendo le necessità primarie e scegliendo e differenziando gli interventi.
Cosa vi possiamo dire, cosa si può dire in queste situazioni.
Molti di voi sono stati con noi, seguendo i nostri progetti, venendo sul posto sia in India che in Nepal, aiutando ragazzi e ragazze… 
Non possiamo fare altro ancora una volta che chiedervi un supporto economico che ci possa permettere di aiutare da vicino questa tragedia della miseria, consapevoli che questo è solo l’inizio perchè anche nel momento in cui le scosse si “fermeranno o si assesteranno”  le macerie, le malattie, le ferite saranno tutte ancora da affrontare.
Con gratitudine e fiducia
Valeria Viola Padovani
 

Jamuna una delle nostre ragazze dal Nepal ci scrive:

… here due to this horribly earthquake we all are very afraid… we all are like shaking our all body just very afraid just don’t know what to do????? where too go??? In Nepal is passing through a very critical and bad situation now. according to the Nasa news they announced that we people cannot stay in our houses because today whole night there may be a huge earthquake occuring around 9,10 richter and its very dangerous so we all are very scared… it will be much more scary than the one that came yesterday… we are very nervous, scared, and like our whole body is shaking…… please pray for us!!!! please pray for us!!!

… Qui a causa di questo orribile terremoto abbiamo tutti molta paura … Ci sentiamo come scuotere in tutto il corpo, abbiamo solo molta paura, non sappiamo cosa fare? Dove andare? Il Nepal sta attraversando una situazione molto critica, la Nasa ha annunciato che la gente non può rimanere nelle case perché questa notte ci potrebbe essere un enorme terremoto intorno ai 9.10 della scala richter ed è molto pericoloso, quindi siamo tutti molto spaventati … sarà molto più spaventoso di quello che è avvenuto ieri … siamo molto nervosi, spaventati, e pare come se tutto il nostro corpo stesse tremando …… per favore pregate per noi !!!! Per favore pregate per noi !!!

Dove Effettuare i versamenti:

Causale: EMERGENZA NEPAL


c/o Banca Popolare di Spoleto

SWIFT – BPSPIT3S

IBAN: IT17 M057 0403 2000 0000 0003406

intestato a: “Centro Studi Platone ONLUS ”


C/C Postale IBAN : IT25 R076 0103 2000 0003 1052 046

Intestato a: “Centro Studi Platone ONLUS”


Tramite Paypal: www.ilmondodelleidee.it


c/o Unicredit IBAN: IT 28 A 02008 04810 000103440139

Intestato a: “Centro Studi Platone ONLUS”